aprile 2009


La comunità coreana inivita tutti gli studenti della facoltà di Studi Orientali a partecipare ad una giornata interamente dedicata alla Corea, con la possibilità di gustare deliziose pietanze e divertirsi insieme con giochi.

L’evento avrà luogo sabato 2 maggio presso il campo sportivo “S.Leone Magno”, quartiere nomentano.

Alle ore 10 avranno inizio le attività ludiche e alle 13 si terrà la cerimonia d’apertura. Nel pomeriggio, si potranno degustare gratuitamente alcune specialità culinarie e partecipare ad altre attività e giochi.

Buon divertimento!

Annunci

Niente appuntamenti, mostre o eventi da segnalare, oggi. In realtà scommettero che ce ne sarebbero di contenuti da condividere con voi ma, data la mancanza di tempo ed energie del sottoscritto, totalmente assorbito dalle ricerche per la tesi (sob!), sta diventando sempre più difficile scandagliare il web in cerca di contenuti da postare in queste pagine.

D’altronde, questo spazio nasce come luogo di confronto e scambio di esperienze e conoscenze tra studenti e simpatizzanti della cultura coreana, quindi vi lancio una proposta, miei cari aficionados di Koryosando (sarebbe il caso di dire, una richiesta di aiuto): AIUTATEMI A MANTENERE VIVO E IN FORMA QUESTO BLOG! Mandatemi notizie, foto, articoli, saggi, diari, recensioni: tutto quello che avreste sempre voluto leggere qui, ma non avete mai trovato. Per esempio qualcuno più ferrato di me potrebbe consigliarci della buona musica, altri potrebbero incuriosirci con novità direttamente dalla Corea, altri ancora parlarci di film o libri: non ci sono restrizioni ai contenuti di questo blog.

Io, da parte mia, continuerò ad informarvi su borse di studio, conferenze, eventi di vario tipo. Voi, invece, mettetemi del vostro! Solo con il vostro contributo e le vostre idee, Koryosando potrà davvero diventare “il blog degli studenti coreanisti di Studi Orientali”, anzi, “il nostro blog sulla Corea”.

Spero che accoglierete l’SOS. Potete contatarmi attraverso la casella di posta: koryosando@gmail.com.

Buon lavoro a tutti!

utopia_hztopQuest’anno sarà la University of Hawaii a Manoa (Honolulu) ad ospitare la conferenza sugli studi linguistici in giapponese e coreano, un’importante occasione di confronto per ricercatori e studenti di tutto il mondo sugli studi comparati di queste due lingue, ormai giunta alla diciannovesima edizione. Tre giorni (dal 12 al 14 novembre) per fare il punto degli ultimi studi in materia, facendo convergere gli sforzi di tutta la comunità accademica mondiale.
Per poter discutere il proprio articolo, gli abstract dovranno essere inoltrati alla commissione organizzatrice entro il 1 luglio.
Potete trovare contatti e ulteriori notizie sul sito appositamente istituito.

roma-posterIl Fascino del Verde: continuità e innovazione nei céladon della città di Gangjin” è il titolo della nuova mostra presentata in questi giorni presso il Museo Nazionale d’Arte Orientale ‘Giuseppe Tucci’. Gangjin, la città coreana da cui provengono le ceramiche dalla particolare vetrina verde, è rinomata per i suoi eccelenti maestri, custodi di un artigianato che risale a più di mille anni fa’.

Le opere di questa esposizione, che farà tappa in sei diverse città europee, renderà omaggio al patrimonio artistico di questa terra attraverso i prestigiosi céladon di epoca Goryeo.

La mostra sarà inaugurata lunedì 27 aprile alle 11.30 e si protrarrà fino al 6 maggio nelle sale del museo in via Merulana, 428 a Roma.

Il regista indipendente romano Leonardo Cinieri Lombroso sta cercando una persona, anche uno studente, che possa fare da traduttore e interprete per il coreano. Attualmente il regista sta infatti lavorando ad un documentario sul cinema coreano. Ha già realizzato un’intervista al regista Lee Chang-dong e ha bisogno al più presto di tradurre alcune sequenze.

Ecco i contatti:
Leonardo Cinieri Lombroso
email: leonardo@cinierilombroso.it
www.cinierilombroso.it

I curatori di qesto blog declinano qualsiasi responsabilità. La richiesta ci è pervenuta via e-mail e la rigiriamo a tutti coloro che possano essere interessati, invitandovi prima ad accertarvi della serietà e professionalità della produzione.